Martina Riina

L’erba tinta

Dentro le crepe di Borgo Vecchio a palermo: un racconto antropologico

18,00

Nel pieno di una crisi sociale e sanitaria prende forma un diario etnografico sul lavoro di una équipe di operatori ed educatori di strada, a partire proprio dalle riflessioni sul distanziamento sociale che la

Nel pieno di una crisi sociale e sanitaria prende forma un diario etnografico sul lavoro di una équipe di operatori ed educatori di strada, a partire proprio dalle riflessioni sul distanziamento sociale che la pandemia ha comportato. Il testo, in particolare, affronta il tema dello sguardo antropologico sulle pratiche educative, alla luce di un intervento pluriennale all’interno di un quartiere popolare di Palermo, Borgo Vecchio, noto solo per le cronache mafiose, trascurato dalle istituzioni, abitato da quelli che gli altri considerano poco più che miserabili, l’erbaccia cattiva che cresce nelle crepe del cemento, l’erba tinta che non si può estirpare. Dal racconto, ironico e lucido, emerge il tema dello sguardo tra educatore ed educando, tra osservatore e osservato e, infine, tra chi sta dentro e chi sta fuori quelle macerie. Ed è lì nel mezzo, tra le strade del quartiere, che è possibile ritrovare esperienze di resistenza e di vita generativa che conferiscono dignità e verità ai suoi abitanti.

Disponibile

Acquista ebookSfoglia anteprima

Informazioni

Indice

Un affare di crepe, di Ferdinando Fava
Ringraziamenti
Introduzione

Parte prima. Dentro la crisi
Chiù scuru i’menzanuotte un’può fare

La didattica a distanza e il cielo in una stanza
Ritorno al contatto
Dentro e fuori lo schermo

Parte seconda. Dentro le crepe
L’erba tinta un’muore mai

Carne viva
Socrate a Borgo Vecchio
Dove comincia la città

Parte terza. Gli orizzonti teorici dell’esperienza
Cornici e solchi

Scrittura, esperienza e narrazione
La pratica pedagogica
Gli studi sulla marginalità: le lenti della sociologia e dell’antropologia urbana
Uno sguardo antropologico sulla povertà

Bibliografia di riferimento

Appuntamenti

Condividi