Copertina libro ...
Alessandro Dani

Vagabondi, zingari e mendicanti

Leggi toscane sulla marginalità sociale tra XVI e XVIII secolo
pagine 208
formato 17x24
anno 2018
ISBN 9788897826743
prezzo € 18,00



Abstract

I Granduchi di Toscana, tanto nel periodo mediceo quanto in quello lorenese, si trovarono ad affrontare i problemi della mendicità dilagante, del vagabondaggio, della marginalità di soggetti in vario modo non inseriti nell’ordine sociale, come gli zingari. Si trattò, come in tutti gli Stati italiani ed europei del tempo, di una lotta principalmente condotta con le armi della dissuasione e della repressione, ma anche dell’assistenza mirata e del tentativo di integrazione tramite il lavoro. Similitudini ed emulazioni normative emergono nettamente tra i vari contesti, ma anche diversità significative, che rendono necessario lo studio delle esperienze nei diversi ordinamenti, prima di poter giungere a delineare un quadro d’insieme. L’indagine proposta in questo libro muove dall'analisi della legislazione granducale, con i necessari riferimenti alle altre fonti giuridiche, ma non rinuncia ad un continuo dialogo con la storiografia sociale ed economica che da tempo dedica ampia attenzione a fenomeni cruciali in atto nell'Europa moderna, come le dinamiche di impoverimento dei ceti subalterni, le strategie di disciplinamento sociale, lo sviluppo di iniziative assistenziali.

Autore

Alessandro Dani è Professore associato presso il Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società dell’Università di Roma “Tor Vergata”, dove insegna Storia del diritto medievale e moderno. Da tempo si occupa di statuti e ordinamenti comunali medievali e moderni, di usi civici e beni comuni, di storia del processo, del diritto penale e della cultura giuridica. Tra le sue pubblicazioni: Usi civici nello Stato di Siena di età medicea (2003); Un’immagine secentesca del diritto comune (2008); Le risorse naturali come beni comuni (2013); Gli statuti dei Comuni della Repubblica di Siena (secoli XIII-XV). Profilo di una cultura comunitaria (2015).