Giovanna Del Gobbo, Paolo Federighi

Professioni dell’educazione e della formazione

Orientamenti, criteri e approfondimenti per una tassonomia

22,00

Il Volume prefigura una mappa dinamica delle professioni dell’educazione e della formazione definita nella sua ampiezza e nelle sue potenzialità di mobilità orizzontale tra le diverse professioni dell’area e di mobilità verticale tra le

Il Volume prefigura una mappa dinamica delle professioni dell’educazione e della formazione definita nella sua ampiezza e nelle sue potenzialità di mobilità orizzontale tra le diverse professioni dell’area e di mobilità verticale tra le diverse posizioni organizzative. L’emergere in ambito lavorativo di forme plurali e ibride di identità e appartenenza comporta un impegno di ricerca nel definire criteri e orientamenti per una tassonomia delle professioni capace di valorizzare e dare significato al manifestarsi, nel mondo del lavoro, di appartenenze, di attributi professionali, di ruoli educativi. È proprio la fenomenologia del mondo del lavoro che offre un quadro non più forzatamente interpretabile secondo principi di un presunto “dover essere” considerato identitario delle scienze pedagogiche e, tanto meno, definibile a partire dai risultati di apprendimento dei vari percorsi formativi, di alta formazione o professionalizzanti. Ed è sul mercato del lavoro potenziale di chi si affaccia su questa area di professioni che il libro cerca di fornire una bussola per andare oltre le professioni classiche, e per affacciarsi sul più ampio mondo delle semiprofessioni e preprofessioni. In questo quadro il Volume propone un’ipotesi di tassonomia descrittiva per ricomporre l’area professionale in tutta la sua vastità, superare visioni caleidoscopiche e fornire elementi di orientamento per professionisti interessati a cogliere opportunità di nuove prospettive di carriera. A questo, si accompagnano una serie di approfondimenti su specifiche professioni dell’area non appartenenti al sistema scolastico ordinario.

Con contributi di:
Vanna Boffo, Salvatore Colazzo, Francesco De Maria, Loretta Fabbri, Daniela Frison, Glenda Galeotti, Giulio Iannis, Claudio Melacarne, Marta Pellegrini, Roberta Piazza, Paola Ricchiardi, Simona Rizzari, Alessandra Romano, Agnese Rosati, Fabio Togni, Emanuela Torre

Disponibile

Open accessSfoglia anteprima

Informazioni

Indice

Introduzione

Parte Prima. Prospettive di ricerca per una tassonomia delle professioni educative e formative

I. Professioni dell’educazione e della formazione: per una tassonomia descrittiva
Paolo Federighi

II. Professioni educative non-teaching per il Green skills development
Giovanna Del Gobbo

III. Professioni educative in evoluzione per lo sviluppo locale
Giovanna Del Gobbo

IV. Revisione ragionata di studi e ricerche sul tema delle professioni educative e formative: il contesto pedagogico italiano
Marta Pellegrini, Francesco De Maria

Parte Seconda. Epistemologie e processi di professionalizzazione

V. Oltre la formazione. Università e professioni educative
Vanna Boffo

VI. Intersezionalità e pratiche professionali
Loretta Fabbri, Alessandra Romano

VII. L’educatore nei servizi per l’infanzia
Agnese Rosati

VIII. Quando le parole fanno le professioni
Fabio Togni

IX. La consulenza pedagogica. Negoziazione in corso
Claudio Melacarne

Parte Terza. Strutturazione di professionalità

X. A scuola per giocare
Salvatore Colazzo

XI. L’educatore museale: un professionista in equilibrio tra musei, patrimonio culturale, pubblici e apprendimento
Roberta Piazza, Simona Rizzari

XII. Il professionista specializzato nel potenziamento cognitivo e motivazionale nell’educazione non formale
Paola Ricchiardi, Emanuela M. Torre

XIII. Nuove competenze e sfide professionali nell’ambito dei servizi per l’orientamento, le transizioni di carriera e le politiche attive per il lavoro
Giulio Iannis

XIV. Figure professionali emergenti nell’educazione degli adulti. Il facilitatore di piattaforme collaborative negli ecosistemi di innovazione sociale
Glenda Galeotti

XV. Social, micro e self-directed learning: sfide professionali e traiettorie metodologiche per i nuovi formatori
Daniela Frison

Note sugli Autori

Ringraziamenti

Condividi